Archivi categoria: tasse

Dovere e tornaconto


e morante

Secondo me è ancora più grave: sceglie quello che crede sia il suo tornaconto immediato.Come rimandare la Lega al governo in Lombardia illudendosi di tenersi in casa più soldi delle tasse.E poi continuare a pagare i costi di una sanità e una scuola da tempo regalate ai privati.O rivotare Berlusconi illudendosi di riavere l’IMUE tenersi un vecchio corrotto che ha curato in ogni modo solo i propri interessi, economici e non.O votare Grillo per cambiare tutto…perchè dopo molte urla e un bel po’ di polverone nulla cambi nella sostanza dei rapporti di potere, nella miglior tradizione gattopardesca.

via27 Facebook – Licia Betterelli.

Annunci

Elezioni 2013: Silvio Berlusconi teme Beppe Grillo, “è un fenomeno da baraccone che però ci toglie voti”


Beppe Grillo “è un fenomeno da baraccone” che però “sottrae voti ai moderati e fa vincere la sinistra”. Dopo le parole incandescenti usate due giorni fa a Palermo, Silvio Berlusconi torna ad attaccare quello che è ormai chiaramente il suo nemico numero uno alle prossime elezioni. Nel corso di un’intervista a Rtl, Berlusconi ha ammesso la bravura di Grillo nei comizi: “E’ un istrione abituato al grande pubblico, è un professionista, con un copione ben preparato”.

Tuttavia, Berlusconi ha espresso la propria preoccupazione rispetto alla concorrenza di Grillo: “Vedo in lui un pericolo che sottrae voti ai moderati e fa vincere la sinistra. In Italia i voti si sono sempre distribuiti così: un terzo alla sinistra e due terzi ai moderati; questi hanno sempre vinto tranne i casi in cui si sono presentati divisi”. E ai moderati tolgono i voti anche Monti e i centristi: “Gli eventuali voti – ha spiegato – dati a Monti o Casini sono voti dati alla sinistra, e allora è meglio votare l’originale; oppure sono voti tolti a noi impedendoci la vittoria, ma non credo che avverrà”.

Monti e Berlusconi, schermaglie a distanza. Non se le mandano a dire Silvio Berlusconi e Mario Monti, entrambi impegnati fin dalle prime ore della mattina nella consueta maratona mediatica. Il professore ha invitato i suoi competitor alle elezioni a partecipare a un dibattito televisivo (“servirebbe a fantasticare un po’ meno e confrontare i punti di vista”), ma il Cavaliere di sedersi nello stesso studio televisivo con lui proprio non ne vuole sapere. “Monti è disperato – è il commento di Berlusconi, affidato ai microfoni di Rtl 102,5 – perché molto probabilmente non raggiungerà il 10% dei voti e quindi resterà fuori dal Parlamento lui, Casini e Fini”.

L’ipotesi non sembra turbare più di tanto il professore. “Confidiamo di avere un buon risultato” alle elezioni “ma non sminuiremo questa grande forza per stare in un governo. Se non avremo i numeri sufficienti, staremo all’opposizione”, ha detto il presidente del Consiglio uscente e leader di Scelta civica, Mario Monti, a Rainews24.

Per Monti, la partecipazione a un confronto televisivo con tutti i candidati dovrebbe essere un dovere nei confronti dei cittadini. “Stiamo involvendo verso una democrazia senile e immatura? Spero di no. Spero che i colleghi competitors vorranno adempiere a questo dovere non nei miei confronti, ma verso gli italiani”, è il commento del premier. Berlusconi, però, ha ribadito di essere disponibile a un confronto solo con il leader del Pd Pier Luigi Bersani. “Io il confronto l’ho sempre accettato con chiunque, mi sono trovato in trasmissioni anche con sei contraddittori” ma ora il confronto ha senso soltanto tra gli “unici due che hanno possibilità di vincere”. E ancora: “Monti chiede il confronto perché è disperato e perché rischia di non avere rappresentanti in Parlamento”, visto che “è probabile che non arrivi al 10%”.

Berlusconi: “Restituiremo l’Imu per riappacificare Stato e cittadini”. Anche stamattina l’ex premier è tornato sul suo cavallo di battaglia: la restituzione dell’Imu pagata nel 2012 – ha detto – sarà “un gesto simbolico di riappacificazione tra cittadini e Stato, un gesto inusuale di uno Stato che si accorge di aver imposto ai suoi cittadini una tassa non solo dannosa, ma anche ingiusta”.

In caso di vittoria del centrodestra Berlusconi ha promesso che la restituzione dell’Imu sarà deliberata “nel primo Consiglio dei ministri”. “Noi abbiamo sentito che con il fatto della tassa sulla casa si sia verificato un atteggiamento dello Stato sentito non più come Stato che ti protegge, che è il dovere fondamentale dello Stato”, ha proseguito. “Ricordiamoci che le imposte non sono un dovere che si deve per norma divina, le imposte sono solo un corrispettivo che ogni cittadino è tenuto a pagare allo Stato in cambio dei servizi, quindi anche della protezione. Invece si è diffuso un sentimento verso lo Stato di paura, uno stato non amico ma ostile o addirittura nemico”.

viaElezioni 2013: Silvio Berlusconi teme Beppe Grillo, “è un fenomeno da baraccone che però ci toglie voti”.

Monti: Berlusconi compra i voti degli italiani con i loro soldi. Il Pd scordi l’appoggio se Sel pone veti su riforma del lavoro – Il Sole 24 ORE


«È un po’ infantile parlare di vittoria di Pirro perchè è chiaro che ognuno ha interesse» a rivendicare una vittoria nel proprio Paese. Così Mario Monti, ospite di TgCom24, replica a Pier Luigi Bersani che aveva parlato di una vittoria di Pirro, quella di Monti, sull’accordo di bilancio Ue.

Siamo gli unici, insieme al Belgio, a ridurre il contributo di 5 miliardi in 7 anni

Alle critiche dei partiti per il risultato del vertice europeo dedicato al bilancio, Monti ha risposto: «I risultati in Europa dello statista Berlusconi li abbiamo conosciuti, quelli di Bersani non li conosciamo e comunque è un po’ infantile dire “siccome Cameron è contento deve essere stata una vittoria di Pirro” perchè è chiaro che ognuno ha la tendenza a presentare nel proprio Paese gli aspetti positivi del risultato, ma poi sono i numeri che contano e il risultato è evidente: siamo l’unico contributore netto, insieme al Belgio, a ridurre il contributo netto di cinque miliardi in sette anni e gli unici ad accrescere i fondi per la politica per la coesione». È un risultato, ha precisato il premier, «interamente positivo per l’Italia, ma non sul piano europeo e noi lo abbiamo criticato» chiedendo che ci fosse «un bilancio più ampio e più adeguato alle esigenze di crescita».

Berlusconi compra voti degli italiani con i loro soldi. Sulla Lega non spendo parole

«Il mio predecessore continua a fare promesse cercando di comprare i voti degli italiani con i soldi degli italiani e questo può portare popolarità, ma sarebbe un prova di un paese sostanzialmente privo di memoria. E io non voglio pensare che gli italiani lo siano», ha detto Monti all’incontro elettorale al Teatro Parenti di Milano. «C’é poi quel polo che è la Lega Nord sulla cui visione dell’Italia e del Nord non penso di dover spendere parole», ha affermato Monti commentando i suoi ‘competitors’ alle elezioni politiche.

 Silvio Berlusconi è intervenuto in serata definendo indecente il paragone con Lauro, fatto da Mario Monti. «Monti, dicendo che l’Europa teme il mio ritorno ha detto una grande cazzata». Il premier – ha aggiunto Berlusconi – è la più grande delusione della mia vita, peggio di Fini e Casini. Non conosce la realtà economica e ha fatto degli errori

incredibili». «Restituendo l’Imu ai cittadini – ha aggiunto Berlusconi – avviciniamo i cittadini allo Stato»

Bersani ha ali troppo grandi per governare

Pier Luigi Bersani è «in una posizione difficile», ha detto Monti, perchè «è a capo di una coalizione con ali troppo larghe che imbarca costantemente contraddizioni che impediscono di governare quando arrivano ostacoli difficili». All’interno della coalizione del centrosinistra, secondo Monti ci sono poi «forze che interpretano in modo controproducente l’interesse dei lavoratori» come per esempio «un sindacato che ha appena presentato un grande piano per il lavoro contenente però una forte iniezione di spesa pubblica».

viaMonti: Berlusconi compra i voti degli italiani con i loro soldi. Il Pd scordi l’appoggio se Sel pone veti su riforma del lavoro – Il Sole 24 ORE.

Fisco, Tremonti contesta Berlusconi su Imu e condono – Yahoo! Notizie Italia


ROMA (Reuters) – Giulio Tremonti contesta la proposta lanciata da Silvio Berlusconi di abolire l’Imu sulla prima casa e restituire il versamento 2012 inizialmente attraverso un prestito della Cdp e, a regime, con i proventi di un concordato fiscale con la Svizzera e una maggiore tassazione su alcolici, tabacchi e giochi d’azzardo.

“L’unica vera copertura è non dare i soldi italiani alle banche tedesche e francesi”, ha detto Tremonti sostenendo che i piani di salvataggio attuati dall’Europa a vantaggio degli Stati periferici in difficoltà, vanno in realtà a ripianare le perdite degli istituti di credito con base a Parigi e Berlino.

L’ex ministro dell’Economia si mostra ancora più critico verso la riedizione di un condono tombale lanciata sempre oggi da Berlusconi e dice: “Non parliamo di un tema che non c’è”.

Tremonti ha abbandonato il Pdl dopo i ricorrenti contrasti avuti durante il quarto governo Berlusconi per la sua linea di politica in materia di bilancio e ora corre alle prossime elezioni con le liste della Lega.

Sul sito http://www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su http://www.twitter.com/reuters_italia

viaFisco, Tremonti contesta Berlusconi su Imu e condono – Yahoo! Notizie Italia.

Berlusconi: rimborserò l’Imu. Monti: è un incantatore di serpenti – Il Sole 24 ORE


«Nel primo Consiglio dei ministri faremo un provvedimento per la restituzione dell’Imu sulla prima casa pagata dai cittadini nel 2012». Lo ha detto il leader del Pdl Silvio Berlusconi in un discorso alla ex Fiera di Milano. Berlusconi ha precisato che si tratta di «un atto di ricucitura, un atto simbolico ma concretissimo» capace di aprire «una nuova pagina che riporti i cittadini ad avere fiducia nello Stato». L’Imu sarà restituita attraverso un «rimborso vero e proprio sul conto corrente o in contanti attraverso gli sportelli delle Poste».

L’accordo con Berna

Per coprire l’operazione di restituzione dell’Imu agli italiani Berlusconi spiega che «chiuderemo l’accordo con la Svizzera per la tassazione delle attività finanziarie detenute in Svizzera da cittadini italiani: il gettito è una tantum di 25-30 miliardi e poi all’anno un flusso di 5 miliardi». Per l’ex premier, la restituzione dell’Imu sarà «senza aggravi per lo Stato, utilissima per ogni famiglia, che si rivedrà così ridare indietro una tassa ingiustamente pagata, la tredicesima, se vogliamo».

Da Berlusconi una mossa senza rete, che è rischioso sottovalutare

Monti: «Italia salvata, ora è possibile ridurre le tasse». Nessun aumento per l’età pensionabile

Anticipo di cassa grazie a Cdp

Altri dettagli arrivano nel pomeriggio dal segretario del Pdl Angelino Alfano, intervenuto ad una manifestazione elettorale a Viterbo. «Il nostro obiettivo – ha spiegato – è rimborsare l’Imu entro 30 giorni dal primo Consiglio dei ministri, quello in cui approveremo il decreto per il rimborso e elimineremo l’imu sulla prima casa. E così, in attesa della sottoscrizione dell’accordo con la Svizzera, chiederemo alla Cassa depositi e prestiti di anticiparci la liquidità necessaria, meccanismo che ha già funzionato in occasione del recente terremoto in Emilia».

No aumento all’aumento Iva e riduzione dell’Irap

Graduale riduzione dell’Irap, nessun intervento sui patrimoni e stop all’aumento dell’Iva. Sono alcune delle misure contenute nel pacchetto di interventi fiscali annunciato da Berlusconi nel corso dell’incontro milanese dedicato alla presentazione del programma del partito. Si parte dalla «riduzione ed eliminazione in 5 anni dell’Irap», che è «un’imposta rapina che grava sulle nostre imprese». L’ex premier garantisce inoltre che non ci sarà «nessun aumento dell’Iva e soprattutto nessuna patrimoniale. Un programma che è esattamente l’opposto rispetto a quello di Monti e della sinistra».

Monti, replica a caldo e sfida a “duello” in tv

«È magnifico, Berlusconi ha governato per tanti anni e non ha mantenuto nessuna delle promesse fatte. Ci prova per la quarta volta. Gli italiani hanno buona memoria». Così Mario Monti commenta a caldo l’annuncio del Cavaliere di voler restituire i soldi dell’Imu sulla prima casa in caso di vittoria. Più tardi, nel pomeriggio, il Professore passa al contrattacco, e sfida il Cav ad un confronto in tv proprio su Imu e riduzione della spesa: «Il mio predecessore, noto per le facili promesse elettorali, ha appena annunciato l’intenzione di tagliare la spesa pubblica di 80 miliardi di euro nei prossimi 5 anni. Si tratta dello stesso incantatore di serpenti che ha aumentato la spesa di 154 miliardi». Poi la richiesta di un “duello” televisivo «per discutere delle proposte» sul tavoro.

viaBerlusconi: rimborserò l’Imu. Monti: è un incantatore di serpenti – Il Sole 24 ORE.

Risparmiamocelo


Diciamo no alla stangata (dallo 0,15% al 34,2%!?) per 20 milioni di piccoli risparmiatori prevista dal decreto Salva Italia.

Cosa possiamo fare? Fate conoscere Risparmiamocelo a 5/10 persone che saranno colpite da questa ennesima tassa e probabilmente non lo sanno. Informazione è potere e il vostro sostegno è fondamentale per far sentire la nostra voce.

via(13) Risparmiamocelo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: