Archivi categoria: banche

Obama chiede 5 miliardi di danni a Standard & Poor’s – Il Sole 24 ORE


Obama_portrait_cropNEW YORK – Oltre cinque miliardi di dollari di danni. È quanto potrà chiedere il Dipartimento della Giustizia americano a Standard & Poor’s, nella prima causa intentata dalla autorità federali contro una grande agenzia di rating accusata di responsabilità nella crisi finanziaria del 2008. La causa civile del governo è appoggiata da 16 stati e dal Distretto di Columbia, quello della capitale, Washington.

S&P, stando al governo, ha violato i suoi stessi criteri nell’assegnare i voti a bond collegati a mutui che hanno poi scatenato la crisi finanziaria e provocato costi per miliardi di dollari agli investitori. Immediata la risposta dell’agenzia, secondo cui l’azione del Governo, si legge in una nota diramata ancora prima che il ricorso fosse formalizzato, «è del tutto senza fondamenta fattuali o merito legale». In seguito la società ha aggiunto che «si difenderà con determinazione» dalle accuse. Il titolo della casa madre, McGraw Hill, è sceso oggi del 7% e ieri aveva gia perso il 14%, il calo peggiore in una seduta in 25 anni.

La svolta della Casa Bianca

La causa, presentata nella notte americana tra lunedì e martedì in un tribunale di Los Angeles, è stata annunciata direttamente dal Segretario alla Giustizia Eric Holder, che ha anche dato la stima dei danni multimiliardari che potrebbe chiedere alla società. Il calcolo dei cinque miliardi è pari alle perdite sofferte su derivati legati ai mutui, i Cdo, da istituti finanizari e banche assicurati dalle autorità federali durante la crisi.

La legislazione violata sarebbe in particolare il Financial Institutions Reform, Recovery, and Enforcement Act, passato dopo il collasso delle casse di risparmio della fine degli anni Ottanta per recuperare danni.

Le accuse riguardano i Cdo (collateralized debt obligation) emessi nel 2007 e legati a pacchetti di mutui subprime, i più rischiosi. Il Governo ha esaminato in particolare 40 valutazioni massime, spesso di Tripla A, assegnate a bond che hanno perso completamente valore subito dopo essere stati venduti agli investitori.

S&P era afflitta «da significativi conflitti di interesse», ha dichiarato Holder. Avrebbe cioè dato rating elevati a titoli tossici, anche sapendo che non erano meritati, per attirare il business delle società che emettono i bond. Nel ricorso, il Governo cita numerosi scambi di posta elettronica tra analisti e rapporti che a sua avviso dimostrano come la società non fosse affatto convinta dei suoi giudizi. Un analista aveva scritto persino una canzone sul crollo dei derivati nel 2007, spendendola in video ai colleghi, sulle note di “Burning Down The House” dei Talking Heads.

viaObama chiede 5 miliardi di danni a Standard & Poor’s – Il Sole 24 ORE.

Mps, Geronzi a stampa: l’affaire è uno “scandalo di sistema” – Yahoo! Notizie Italia


ROMA (Reuters) – L’ex banchiere ed ex presidente di Generali Cesare Geronzi definisce le vicende di Banca Monte dei Paschi uno “scandalo di sistema”, che coinvolge diverse istituzioni e varie componenti politiche.

Geronzi parla ampiamente delle vicende giudiziarie che hanno coinvolto in questi giorni Mps in una intervista pubblicata questa mattina dal quotidiano Il Foglio.

“Non è un affaruccio provinciale, ma è uno scandalo di sistema. E non è nemmeno una storia che riguarda solo il Pd perché i poteri tendono a consorziarsi tra loro. Si fondono, sono camaleonti”, dice Geronzi dell’affaire.

“Certo è che il caso è esploso con strane modalità e una strana tempistica. Deflagra anche per ragioni politiche, strumentali”, aggiunge.

L’ex capo della Banca di Roma interviene anche con una serie di giudizi sui protagonisti della vicenda, ad iniziare dall’attuale presidente di Mps Alessandro Profumo: “Profumo è in gamba, dopo Unicredit da qualche parte doveva ricominciare. Le ragioni per cui è a Mps le ha spiegate [il leader del Pd Massimo] D’Alema”.

Poi è la volta della sua ricostruzione della vicenda e del ruolo avuto dall’ex presidente della banca senese ed ex presidente dell’Abi Giuseppe Mussari e dall’ex ministro del Tesoro Giulio Tremonti, definiti “amici”: “Mussari, che era amico di Tremonti, decide di trasformare la banca. Vuole farla più grande. Vuole acquistare Antonveneta e vuole farlo senza discutere con il portatore del comando azionario, cioè con la Fondazione”.

“Mussari poi è diventato il presidente dell’Abi. Ricordo il suo intervento alla Giornata del risparmio, era rivolto a magnificare il ministro dell’Economia [Tremonti]. E’ stato disdicevole. Un rapporto, diciamo così, strano. Ci vuole distanza tra controllori e controllati”, aggiunge.

Infine l’ex presidente di Mediobanca cita l’attuale presidente della Bce ed ex governatore di Bankitalia Mario Draghi: “In questi giorni Draghi è il vero obbiettivo polemico di chi attacca Banca d’Italia. Ma lì hanno fatto il meglio che potevano”.

“Personalmente sono contrario al commissariamento di Mps. Io sono per l’autonomia. Piuttosto, perché il Tesoro non nomina due membri del consiglio di amministrazione in rappresentanza proprio dentro Mps?”, conclude Geronzi.

Sul sito http://www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su http://www.twitter.com/reuters_italia

viaMps, Geronzi a stampa: l’affaire è uno “scandalo di sistema” – Yahoo! Notizie Italia.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: