L’ombra della criminalità su Fare dissolta dalla coerenza di Oscar Giannino


Ieri, sulle colonne del Fatto Quotidiano, i giornalisti Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizzo hanno scritto che Fare per Fermare il Declino avrebbe candidato un condannato per diversi reati mafiosi nelle liste siciliane.

Ecco la risposta di Oscar Giannino, elogiata da molti aderenti al movimento che hanno espresso apprezzamento per la presa di posizione del candidato premier:

Caro direttore, lettore e colleghi del Fatto,

 desidero ringraziarvi per l’articolo scritto ieri Da Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizzo, in materia di candidature siciliane. Ieri mi avete fatto passare una brutta mattinata, perché in materia di legalità e lotta alla mafia la vigilanza da esercitare verso politica, imprese e pubblica amministrazione non è mai abbastanza. A questo serve la stampa libera, oltre che la magistratura, e ve ne sono grato.
I fatti. In Sicilia come altrove ma più che altrove, i coordinatori di Fare per fermareildeclino hanno seguito criteri energici per sottoporre le candidature a un vaglio preciso, sia contro i trascorsi politici sia soprattutto verso eventuali precedenti penali. A Palermo, avevamo candidato numero tre alla Camera Giosafat Di Trapani, presidente della piccola impresa di Confindustria. Nel vaglio della sua candidatura, ci eravamo imbattuti in numerosi precedenti penali ascritti però a un suo quasi omonimo, Josafat e non Giosafat, e avevamo chiarito l’equivoco accettando volentieri di candidarlo. Perché Giosafat è da anni impegnato in prima fila nella battaglia contro  la mafia, all’interno e in collaborazione di associazioni come Libero Futuro e Addio Pizzo, che sono pronte a testimoniarlo. I nostri coordinatori hanno raccolto evidenza inoppugnabile delle tante iniziative antimafia di Giosafat, delle sue costituzioni come parte civile in procedimenti contro l’estorsione mafiosa, e contro le infiltrazioni nei cantieri a Carini e Brancaccio. Per noi era una bandiera, perché sono e siamo convinti sostenitori della svolta antimafia intrapresa dagli imprenditori siciliani con Ivan Lo Bello e Antonello Montante.
Ma ieri abbiamo appreso dalle vostre colonne ciò che nel suo casellario giudiziario non risultava. Cioè la condanna in primo grado per favoreggiamento semplice verso Ciancimino, nel 1992. Condanna poi esitata, nel 1994 in Appello, in proscioglimento per prescrizione.  I fatti risalgono al 1984, Giosafat aveva vent’anni, usò due libretti al portatore per 25 milioni di di lire per sostenere l’azienda di suo padre, allorché Banca di Roma aveva chiesto il rientro dei fidi. Da allora, e son passati trent’anni, Giosafat nella sua vita di imprenditore è andato per la via dritta dell’impegno antimafia.
Ma c’è un ma. Noi di quella condanna poi prescritta lo abbiamo appreso da voi, non da lui. E questo non può andarci bene. Perciò vi ringrazio di quanto avete scritto. Ho comunicato a Giosafat che per me l’impegno nella battaglia antimafia e antipizzo passa per una piena trasparenza della politica. Continueremo a combatterla  anche con la sua compartecipazione, con il pieno coinvolgimento degli imprenditori sani. Ma Giosafat ora non può più essere nostro candidato, e non lo sarà.
Grazie ancora,
Oscar Giannino   
Io mi chiedo se esista in Italia un altro leader di partito abbastanza umile e coerente da contattare una testata che parla dei problemi giudiziari di uno dei propri candidati, ringraziarla e annunciare che la candidatura non ci sarà.
Giannino non accetta comportamenti simili al terzo posto in lista. Ci sono intere coalizioni che si fanno guidare da prescritti e condannati, o che  candidamente candidano prescritti e condannati. Giannino no, è diverso; e lo ha dimostrato.
Come ha scritto un aderente piemontese del movimento in post:
“Avere in lista i Dell’Utri, i Cosentino, i Verdini, i Crisafulli (PD) ha un prezzo. Per tutto il resto c’è (Fare per) Fermare il Declino”.
Vittorio Nigrelli
Annunci

Messo il tag:,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: